S.S. Lazio Plogging, attività sportiva e responsabilità sociale

Il Plogging è una combinazione di jogging e raccolta di rifiuti mentre si corre. Questa pratica sportiva è iniziata come attività organizzata in Svezia intorno al 2016. Erik Ahlström, il fondatore del movimento, ha iniziato a praticare Plogging nella capitale svedese, Stoccolma, quando nel 2016 si è trasferito lì dalla stazione sciistica di Åre, creando il sito web www.plogga.se per organizzare l’attività e incoraggiare i volontari. Il termine Plogging è un portmanteau tra il verbo svedese plocka upp (raccogliere) e la parola inglese jogging.

A causa della crescente preoccupazione per l’inquinamento da plastica, l’attività si è diffusa in altri paesi nel 2018. Come esercizio, fornisce cambiamenti nel movimento del corpo aggiungendo flessione, accovacciamento ed esercizi di stretching per i principali movimenti di corsa, escursionismo o camminata.  Il plogging è considerato un’attività perfetta, poiché è positiva sia per il corpo che per l’ambiente. Si stima che circa 2.000.000 di persone Plog ogni giorno in 100 paesi e alcuni eventi di plogging abbiano attirato oltre 3.000.000 di partecipanti.

L’Italia ha voluto fare la sua parte non soltanto importandolo ma creando veri e propri gruppi di “raccoglitori” che si allenano insieme in ogni città ripulendo i marciapiedi dai rifiuti. Se questo 2020 ha registrato uno stop delle attività di gruppo causa coronavirus, lo scorso anno si è svolto il “Keep Clean and Run”, il plogging più lungo d’Italia, con un percorso di ben 730 km, dal Monviso al Delta del Po. Una super-maratona in sette giorni che ha visto la partecipazione a piedi o in bici di tantissimi appassionati ed esperti come, ad esempio, il divulgatore scientifico Roberto Cavallo.

La Società Sportiva Lazio è la più grande Polisportiva d’Europa, con decine di sezioni, la più vincente d’Italia, nonché la principale società sportiva della Capitale d’Italia ed Ente Morale dal 1921, pertanto, nel quadro delle iniziative sportive e sociali promosse nei diversi decenni dalla SS Lazio e alla luce del crescente sentimento/movimento ambientalista, eco-responsabile ed eco-sostenibile di gran parte della popolazione italiana e mondiale, l’istituzione della presente sezione potrebbe darà ancor di più lustro e ritorno d’immagine alla Società Lazio stessa, in termini di visibilità cittadina tanto quanto nazionale e internazionale, dato che sarebbe la prima società sportiva organizzata e creata con questa specifica finalità a livello mondiale. Altresì, sarebbe un’ulteriore dimostrazione dell’identità capitolina della Società, sia sotto forma di pratica sportiva che di coinvolgimento nelle attività sociali e ambientali della città, dimostrando l’amore e il rispetto dei tesserati/tifosi laziali verso la città di Roma. L’obiettivo è quello di coinvolgere tutti gli individui, sia vecchi tesserati o soci della Polisportiva sia nuovi, semplici tifosi o simpatizzanti e anche tutti i cittadini romani che, a prescindere dalle proprie simpatie calcistiche o comunque sportive, vogliano partecipare e contribuire alla diffusione del Plogging e alla pulizia, a titolo completamente gratuito, delle aree verdi e urbane della Città di Roma in concomitanza della pratica sportiva.

L’abbigliamento per la pratica del Plogging non è particolarmente studiato o di attrezzi costosi e poco accessibili, pertanto è uno sport anche economicamente sostenibile e aperto a tutti. Abbigliamento sportivo: pantaloncini, maglietta, scarpe da running/jogging. Abbigliamento tecnico/ utensili: guanti, possibilmente aderenti e da giardino, per evitare inutile spreco di guanti usa e getta. Sacchi di raccolta rifiuti indifferenziati o differenziati, in plastica/biodegradabili, usa e getta o, possibilmente, in ottica eco-sostenibile, lavabili e riutilizzabili. Chiunque può diventare un “plogger” e praticando questo sport può ispirare ed educare gli altri a fare lo stesso. Smaltire i nostri rifiuti è un ottimo inizio, però se hai intenzione di raccogliere i rifiuti altrui, ci sono alcune cose importanti che devi prima considerare. La salute e la sicurezza devono sempre essere una priorità quando si raccolgono i rifiuti, quindi è necessario indossare sempre dei guanti protettivi, portare il disinfettante per le mani, utilizzare una pinza telescopica se preferisci o se è necessario, e smaltire i rifiuti raccolti nel modo più ragionevole e appropriato possibile.

Questa attività sportiva migliora la nostra salute, forma fisica e il nostro benessere mentale e fornisce un incentivo in più per godere dei grandi spazi aperti perché offre la possibilità di fare qualcosa di buono per la natura. Inoltre, nel plogging ci si muove di più rispetto alla corsa normale perché quando si raccolgono i rifiuti si fanno più allungamenti, piegamenti e torsioni, oltre al fatto che i sacchi di immondizia, diventano sempre più pesanti man mano che la corsa procede e aggiungono un ulteriore fattore di sforzo a questa disciplina. Quindi non solo migliori la tua forma fisica con l’attività cardio, ma inevitabilmente bruci più calorie, acquisisci pieno controllo del tuo corpo e migliorano le tue capacità motorie e la tua flessibilità. Praticare plogging può anche essere divertente, soprattutto se svolto assieme a un gruppo di persone.

 

Dai il tuo contributo
allo sviluppo dei progetti