Progetto 16 ottobre: Società Sportiva Lazio e A.S. Roma insieme per non dimenticare la tragedia del rastrellamento degli ebrei romani

Un anno di preparazione, per onorare degnamente la memoria degli oltre 1000 ebrei romani che furono deportati nei campi di concentramento quel tragico 16 ottobre del 1943.

Un anno di avvicinamento all’80mo anniversario della tragedia vissuta dagli ebrei romani – che cadrà il 16 ottobre 2023 – in cui la
Società Sportiva Lazio e A.S. Roma, con il patrocinio della Regione Lazio e della Comunità Ebraica di Roma, si impegneranno per ricordare come la storia della tragedia del Ghetto riguardi, si intrecci e colpisca tutta la città di Roma, comprese le principali realtà sportive.

Parte infatti un progetto lungo un anno, rivolto agli studenti delle scuole medie e superiori della Capitale, finalizzato alla memoria e alla sensibilizzazione – anche attraverso un supporto editoriale pensato per i più giovani – in cui verranno raccontate le storie di atleti di diverse discipline, tecnici, dirigenti, tesserati e simpatizzanti delle due società capitoline che hanno subito sulla propria pelle le leggi razziali e le deportazioni e che in alcuni casi si sono resi protagonisti di atti eroici.

Storie come quella di Geza Kertesz, allenatore ungherese che sedette sulle panchine di Lazio e Roma e che una volta lasciata l’attività sportiva riuscì a salvare più di cento tra ebrei e altri perseguitati ungheresi dai campi di sterminio tedeschi, arrivando a sacrificare la propria vita.

Il Progetto culminerà il 16 ottobre 2023 con un viaggio organizzato nei luoghi della memoria al quale prenderà parte una rappresentanza di studenti degli istituti coinvolti.

La Società Sportiva Lazio, assieme alla Fondazione S.S. Lazio 1900, intende onorare la memoria dei tesserati biancocelesti delle diverse sezioni vittime della tragedia storica del 16 ottobre 1943 e il proprio impegno contro ogni forma di discriminazione ricordando il valore dello sport, di ogni sport, quale strumento di crescita dei giovani e portatore di una insostituibile funzione sociale ed educativa.

 

Dai il tuo contributo
allo sviluppo dei progetti